Regione Autonoma della Sardegna

Palazzo Fresi, prelazione del Comune sulla vendita dell’ultima porzione di immobile. Lo ha deciso il Commissario straordinario, su proposta del responsabile del settore lavori pubblici. L’ala di via Nazionale dello storico palazzo va al Comune per 140mila euro

by ufficio comunicazione on

Il Comune è proprietario di una parte consistente (oltre due terzi), di Palazzo Fresi. L’immobile, dal 2006 sottoposto a vincolo storico secondo le previsioni del Codice dei Beni Culturali, è attualmente sede della Biblioteca comunale, dell’ufficio turismo e del centro di aggregazione per anziani.

All’atto di acquisto del Palazzo era, tuttavia, restata nella disponibilità degli originali proprietari, gli eredi Fresi, la pregiata porzione dell’immobile con vista sulla centrale via Nazionale.

Lo scorso dicembre 2017, la Soprintendenza Archeologica per le provincie di Sassari e Nuoro ha informato di non essere interessata alla prelazione sulla vendita dell’ultima parte dell’immobile. Ciò per consentire al Comune di valutare se esercitare direttamente il diritto, acquisendo lo storico edificio al patrimonio pubblico locale.

Con deliberazione n.6 dello scorso 11 gennaio, il Commissario straordinario, Mario Carta, d’intesa e su proposta dei responsabili comunali coinvolti, ha valutato positivamente l’utilità pubblica e l’arricchimento che l’operazione di acquisto porterà all’amministrazione e ai suoi cittadini.

Servirà, tra l’altro, ad accrescere gli spazi degli uffici che, riqualificati funzionalmente, risponderanno alle esigenze della biblioteca comunale e dell’ufficio turismo, da tempo presenti nel Palazzo. Oltre ad essere garantita una più ottimale gestione unitaria di un bene di innegabile rilevanza storica ed identitaria per la comunità palaese.

Il Comune acquisterà l’immobile, simbolo storico del paese, al prezzo di 140mila euro: lo stesso valore indicato nell’atto notarile di vendita stipulato dagli ex proprietari lo scorso novembre 2017.